VOLONTARIATO: Il progetto Ethnos, dal 2009, nel cuore del Mugello





villaggio la brocchiCi sono realtà che non conosci o almeno ne senti parlare ma non hai mai avuto la possibilità di avvicinarti anche se ad un palmo di naso da dove abiti. Realtà molto importanti dell’Associazionismo locale  che innovano l’economia sociale con importanti progetti  anche da un punto di vista culturale e dove si tocca con mano la “convivialità delle differenze”.

Questo è il caso di ETHNOS.

Tutto nasce nel 2009, attraverso una convenzione, l’Associazione Progetto Accoglienza di Borgo San Lorenzo ha affidato all’Associazione Ethnos la gestione dell’attività della casa per ferie “La Tinaia”, del centro di Convegnistica e la realizzazione del “Ristorante Ethnos”

Queste attività (già in essere da molti anni grazie all’apporto di volontari) hanno la finalità di contribuire a finanziare l’accoglienza delle famiglie presenti nelle strutture ma anche di promuovere un percorso di accompagnamento, di formazione e di avviamento al lavoro.

Gli ambiti in cui sono stati e possono essere coinvolti i volontari sono vari: da piccole manutenzioni per garantire il decoro della struttura, raccolta fondi, organizzazione di eventi per la sensibilizzazione della popolazione ai temi dell’immigrazione, disponibilità di turni per l’apertura del ristorante all’aiuto diretto in cucina.

Le serate musicali, l’ospitalità della casa per ferie, il servizio di ristorazione multietnica, gli spazi che rendono possibili manifestazioni culturali e formative, rispecchiano l’eterogenicità degli apporti che confluiscono all’interno del progetto. Tutto ciò è improntato sul rispetto di valori che educano alla libertà e al senso di giustizia, passando anche attraverso le pratiche del riutilizzo e del recupero, sul rispetto dei diritti e sulla consapevolezza dei doveri, sul riferimento costante l’integrazione, intesa come pratica di reciprocità.

Il ristorante Ethnos è un locale in cui si decide di andare appositamente per assaporare culture tipiche provenienti dal resto del mondo. Ad ogni ospite che arriva, agli amici di Ethos piace poter dire che i loro piatti parlano di tradizioni, culture  lontane, tanta cura, amore e semplicità e che tutto questo proviene da un luogo a pochi passi da noi. Il ristorante accoglie circa 50 posti nelle sale interne e durante la buona stagione c’è la possibilità di mangiare sulla terrazza che si affaccia verso gli Appennini, in posizione panoramica sul Mugello.

Questo progetto è inserito all’interno di una bella realtà che è il VILLAGGIO LA BROCCHI  che nasce dalle idee e dalle risorse di vari soggetti (Istituto degli Innocenti – che è anche il proprietario degli immobili -, Prefettura di Firenze, Provincia di Firenze, Comunità Montana Mugello, Comuni di Borgo San Lorenzo e Firenze, Regione Toscana, Fondazione Michelucci, Associazione Progetto Accoglienza). Il principio fondante del progetto è quello di dare risposte positive e innovative al fenomeno dell’immigrazione, verso la cittadinanza attiva e l’integrazione con “l’altro”.

Il Villaggio non soltanto accoglie famiglie immigrate con minori, ma intraprende pure un percorso di integrazione. La molteplicità degli apporti che vi confluiscono si rispecchia anche nelle numerose attività che vi si svolgono: la Casa d’Accoglienza “Verso Sud”, un Centro di Documentazione Interculturale. Queste ultime due realtà sono state pensate sin dall’inizio per sostenere l’Accoglienza con i loro proventi e per offrire opportunità di percorsi lavorativi ad alcuni degli ospiti accolti.

Quante realtà dell’Associazionismo ad un palmo di naso da dove lavoriamo, viviamo e dalle quali molto distrattamente passiamo oltre. Realtà che tengono in piedi il nostro welfare con passione, professionalità e innovazione.

Ne conosci qualcuna?

Faccelo sapere la faremo conoscere

Per sostenere le  iniziative di ETNHOS attraverso donazioni su conto corrente:

Banca Popolare Etica – agenzia di Firenze

IBAN: IT 37 B 0501802800000000144158

intestato a: ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ETHNOS

a cura di http://welfareweb.wordpress.com/

{lang: ‘it’}
Print Friendly