VICCHIO: Un 8 marzo ricco di iniziative culturali e nel segno della donazione





Una collettiva d’arte,  la presentazione di un disco, un concerto, e tanto altro. L’Avis di Vicchio, con il patrocinio e la preziosa collaborazione del Comune (in particolare grazie all’impegno dell’assessore Nicola Cipriani) e con il sostegno dei soci Coop Di Borgo San Lorenzo e Vicchio, ha ideato e organizzato per l’8 marzo una giornata per festeggiare e celebrare tanti aspetti della femminilità e dell’essere donna, non ultimo quello del “donare”.

“Donare” è un verbo femminile, sostengono all’Avis di Vicchio e nessuno meglio delle donne è sempre disposto a donare tutto se stesso per gli altri; e in un periodo in cui il corpo della donna è sempre più mercificato, e spesso svilito a oggetto, la mostra “Corpo (e sangue) delle donne” ci restituisce la reale bellezza di un corpo che da sempre ispira gli artisti di tutto il mondo e ci ricorda la bellezza di donare effettivamente il proprio corpo, il proprio sangue, per gli altri. Esporranno  Tiziana Fallatici, Patrizia Gabellini, Cristina Monti, Caterina Pecorini, Felice Pesce, e Maria Luisa Vallomy: una collettiva eterogenea, dove sarà dato spazio a varie tecniche diverse tra loro, dal “disegno a pastello” di Fallatici alla stampa su vetro di arte digitale di Pesce (vincitore l’anno scorso del premio “Vibrazioni dell’anima” nella sezione Arte Digitale a Scandicci).

La mostra sarà inaugurata l’8 marzo alle ore 18 e potrà essere visitata presso la Biblioteca comunale vicchiese fino  a sabato 7 aprile nei normali orari di apertura (dal lunedì al sabato tutti i pomeriggi dalle 15 alle 19; il martedì, il giovedì e il sabato anche la mattina dalle 9.30 alle 12.30). Durante l’inaugurazione verrà offerto ai presenti un piccolo aperitivo e il Comune presenterà la nuova Carta dei Servizi della Biblioteca, la quale si propone sempre di più non solo come elargitrice di servizi di base ma come centro culturale della vita del paese  (a dimostrarlo oltre all’allestimento di questa e altre mostre d’arte, ricordiamo a esempio la recente attivazione della wi-fi area, fortemente voluta dall’amministrazione comunale nell’ambito dei progetti Paas e Cloe per le Pari Opportunità: le attività di quest’ultimo verranno illustrate nel corso della serata).

E in occasione dell’inaugurazione della mostra, Susy Bellucci, grande interprete della tradizione popolare toscana, presenterà “Di lago”, il suo primo disco da cantautrice, appena uscito, al quale ha collaborato, tra gli altri, Stefano Bollani: sarà l’occasione per parlare con la stessa autrice e i suoi musicisti e per confrontarsi con il punto di vista di una donna sensibile e mai scontata, che in una recente intervista (http://www.iltrillodeldiavolo.it/interviste/3157-i-susy-bellucci-e-di-lago-il-nuovo-cd-quando-la-voce-dilaga-verso-nuovi-percorsi.html)  parlava così di “Di lago”: “ci tengo a dire che in esso ci sono dei pezzi dedicati alle donne. Del resto, il mio interesse per il mondo femminile risale pure a un altro album, Donne di Toscana. Qui c’è Ofelia, fanciulla disillusa, ma anche Fiaba crudele, un pezzo che mi è stato ispirato dalla trasmissione Amore criminale, un’esortazione alle donne a farsi forti nelle storie amorose, perché tante volte rimangono vittima di sogni e proiezioni personali non molto corrispondenti alla realtà. Poi c’è Velina, un pezzo scherzoso su questa figura ormai mitologica alla quale sembra aspirino quasi tutte le ragazze: senza voler essere moralistica, non mi sembra un obiettivo da perseguire, così la maltratto un po’”.

Alla sera, infine, alle 21.30 al Teatro Giotto di Vicchio, in piazzetta dei Buoni, il gran  finale, con di nuovo Susy Bellucci protagonista, e il suo spettacolo “Donne di Toscana”: un recital, basato sui brani del disco omonimo del 2002, affidato alla multiforme vocalità di Susy, con la presenza di un ensemble strumentale piuttosto inedito per un repertorio “folk”: una chitarra (Carmen Martinez), un violoncello (Marilena Cutruzzulà) e una fisarmonica (Giulio Clementi); Invettive, lamenti e sospiri d’amore dalla tradizione popolare: una coinvolgente ed emozionante riproposta di un repertorio ormai da tempo assente dalle piazze toscane, dedicato in particolare alle donne e alla Toscana, in un progetto di riscoperta, recupero e riproposta delle preziose melodie della tradizione e dei linguaggi perduti nella memoria. Con Susy Bellucci, sul palco potremo quindi ascoltare la voce dell’innamorata che aspetta il fidanzato, della gelosa, della malata d’amore, della beffarda che si prende gioco dei suoi spasimanti: tutte le donne della Toscana che ne hanno fatto la storia e ne hanno tracciato, per sempre, il fascino.

Per info e prevendite biglietti: vicchio.comunale@avis.it; tel. 3285721255; oppure rivolgersi a Mosaico Abbigliamento e Intimo in piazza della Vittoria 12 a Vicchio.

Per prenotare la tua donazione di sangue: www.avisborgosanlorenzo.it, vicchio.comunale@avis.it; 3285721255.





{lang: ‘it’}
Print Friendly