Unione Montana Comuni – Mugello cerniera tra le aree metropolitane di Firenze e Bologna

Riguardo a Firenze e Bologna, il Mugello, come affermato dal Presidente dell’Unione Montana dei Comuni Federico Ignesti, dovrebbe avere il ruolo di cerniera tra due aree metropolitane. Questo ruolo al momento, può  suscitare qualche timore nel senso che i due poli principali potrebbero anche pensare di “scaricare” problematiche su questo territorio, senza contemporaneamente far arrivare risorse, progetti, sviluppo.

La ferrovia Faentina, ne è un esempio perchè  potrebbe davvero essere considerata una struttura che può avere davvero il ruolo di cerniera tra Bologna e Firenze e  le due coste, ma viene considerata ormai da tempo, alla stregua di una mulattiera. Promesse, rimandi, investimenti mancati, hanno caratterizzato la politica di sviluppo di questa linea ferroviaria.

Allora, se le premesse sono queste, occorre davvero un bell’impegno nel processo di partecipazione per la definizione sul Piano Strategico della Città Metropolitana presentato ieri a Borgo San Lorenzo.

In questo incontro è stato anche illustrato il percorso partecipativo per la definizione dell’atto che individua gli indirizzi di sviluppo di medio-lungo periodo dell’area metropolitana.
Presenti sindaci del Mugello, assessori e consiglieri comunali, rappresentanti di associazioni e categorie economiche, cittadini. Al saluto del sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni e del presidente dell’Unione Montana dei Comuni del Mugello Federico Ignesti sono seguiti gli interventi del consigliere metropolitano con delega alla Partecipazione Emiliano Fossi e dei tecnici che si occupano del progetto. In sostanza, il Piano Strategico è l’atto che costituisce il quadro generale di riferimento per tutte le forme di pianificazione e programmazione della Città Metropolitana, promuove e gestisce in forma integrata le politiche del territorio e un loro coordinamento a livello sovracomunale.

“Il Mugello è territorio di confine, cerniera, tra aree metropolitane Firenze e Bologna e per questa sua collocazione può giocare un ruolo importante – sottolinea il presidente dell’Unione montana dei Comuni del Mugello Federico Ignesti -: questo nostro territorio va visto come opportunità, può dare molto. Vogliamo valorizzare la Città Metropolitana col nostro contributo – continua -, e lo faremo, ad esempio, sui temi del territorio aperto, sull’agricoltura, sui temi delle infrastrutture e la mobilità, a partire dalla ferrovia con la Faentina, sulla sostenibilità”.

 

Fabio Ceseri

{lang: ‘it’}
Print Friendly