TRENI MUGELLO: Omoboni “Errare è umano, perseverare è diabolico”





«Errare è umano, perseverare è diabolico». Questo il commento del consigliere comunale di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni, sul Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilità (PRIIM) proposto dalla Regione Toscana.

«Dopo anni in cui tutti abbiamo preso coscienza del fattola Faentina è la linea che collega Firenze e Faenza, e che l’ipotesi di interconnessione della Faentina con l’AV/AC rasenta la fantascienza, la Regione Toscana insiste: nella proposta del PRIIM, ovvero il piano regionale che descrive  gli interventi in corso o progettati relativi alla rete infrastrutturale ferroviaria toscana, vengono i brividi a leggere quanto previsto per la linea ferroviaria Faentina, al punto 4.8.  Alla voce “Breve descrizione” si parla per l’ennesima volta di riqualificazione della linea ferroviaria Faentina, per consentire il transito dei treni merci approfondendo l’ipotesi di interconnessione con la nuova linea AV/AC in comune di Scarperia. Nella stessa scheda è specificato il soggetto attuatore dell’intervento (RFI), il costo complessivo (31 milioni di euro) e lo stato dell’intervento (studio di fattibilità) mentre non è chiaramente indicata né una data di Inizio lavori (reale o prevista) né di fine lavori (reale o prevista). Ma il massimo lo si raggiunge quando si citano i comuni interessati dall’intervento: Scarperia, Borgo San Lorenzo, Vicchio, Dicomano,San Piero a Sieve, Pontassieve, Rufina, Pelago.

Insomma, la Regione continua a sostenere l’elettrificazione della fantomatica Faentina Via Pontassieve, che niente ha a che vedere con la Faentina reale (Firenze-Faenza), mentre in questi anni dai pendolari e dalle amministrazioni dei Comuni del Mugello e dell’Alto Mugello è stato richiesto il potenziamento della linea.

Negli ultimi mesi stiamo assistendo, oltre che ad allungamenti del tempo di percorrenza nel nuovo orario,  e ad operazioni di “smantellamento” della linea, in alcuni tratti a doppio binario. Allora sarebbe opportuno, anziché prevedere ipotesi di interconnessione con la nuova linea AV/AC, utilizzare i fondi previsti dalla scheda 4.8 del PRIIM ( i famosi 31 milioni) per potenziare la linea, con interventi che aumentino le tratte a doppio binario. Sulla Faentina vera.  In tal senso presenterò le mie osservazioni al PRIIM, nella speranza che siano molti altri, a farlo».

{lang: ‘it’}
Print Friendly