Società della Salute Mugello: una“R.E.Te” per la famiglia

Fare rete è sicuramente, sopratutto per i servizi alla persona, una metodologia efficace che permette di prendere in carico la persona e le problematiche ad essa connesse. Le persone sono un universo di bisogni espressi e non espressi con i quali gli operatori sociali devono far conto. Gli interventi a pioggia, i doppioni, lasciano il tempo che trovano e fanno sprecare tempo e risorse.

Finalmente un tentativo in questo arriva dalla Società della Salute Mugello che riguardo alla famiglia ha creato “R.E.Te”.

8 progetti per la famiglia. Sotto questo acronimo, che sta per “Risorse E Territorio per la famiglia”, sono raccolti i progetti del Terzo Settore che fanno parte del Piano Sociale di Zona 2015 della Società della Salute Mugello.

In questo progetto è stata coinvolta la Consulta del Terzo Settore e il Comitato di Partecipazione.

I progetti sono stati selezionati dalla Società della Salute Mugello a seguito di un bando pubblico e quindi approvati e finanziati tra gli indirizzi del Piano di Zona: si tratta, in particolare, di azioni a sostegno dei minori e delle famiglie, della disabilità e del rafforzamento di sani stili di vita, che vanno a integrare i servizi pubblici formando, appunto, una rete sociale.

La finalità che intende perseguire la Società della Salute Mugello, di concerto con i Comuni, è quella di costituire un sistema funzionale, che coinvolga in modo stabile e strutturato il volontariato e il terzo settore, per intervenire in casi di particolare emergenza, o con azioni di prevenzione e percorsi virtuosi per le nuove generazioni. Si va da azioni di supporto alla genitorialità, alla coppia, a gruppi di bambini e adolescenti disabili e non, ad azioni di sostegno a fragilità individuali, come quelle derivanti dal consumo di alcol e di sostanze psicotrope, che vengono realizzate su tutto il territorio, in forma gratuita.

Sono: “Officine di Strada” dell’associazione Insieme; lo Sportello e le attività per adolescenti e genitori del Punto Famiglia Mugello; “Crescendo in salute” dalle Consulte dei genitori di Borgo San Lorenzo e San Piero a Sieve, Cooperativa Odissea e Federconsumatori; l’attività di Mediazione Familiare e Counseling dell’associazione tuttAltro; “Prev.Al, Prevenzione Alcol” delle associazioni Progetto Arcobaleno e Comunità di Faltona; la ludoteca e i laboratori di psicomotricità dell’associazione Il Delphino onlus; Indaco-Teatro con l’Altro dell’Associazione Genitori Mugello-Alto Mugello contro l’emarginazione e l’attività di ippoterapia de Il Pianeta di Elisa onlus.

Per conoscerle meglio le stesse associazioni di “R.E.Te” hanno realizzato un’agile guida che le sintetizza e illustra, dove sono forniti anche i recapiti per informazioni e contatti.

 

Ceseri Fabio

{lang: ‘it’}
Print Friendly