RIO: In occasione della GMG inaugurata la “Croce di Luce” di fabbricazione italiana





crocediluceMentre Papa Francesco sta salendo al montastero della Aparecida, per iniziare con la sua attesa omelia la GMG, è stata inaugurata sulla spiaggia di Copacabana presso l`altare realizzato per la celebrazione del Pontefice, la “Croce di Luce”, ideata e promossa per la giornata mondiale della gioventu’ dal Ministero dell’Ambiente italiano con la collaborazione di Forum Das Americas. La croce costruita con pannelli fotovoltaici, e’ stata realizzata da Enel e Enel Green Power e disegnata dallo Studio Archea Brasil. All’inaugurazione hanno partecipato il direttore generale del Ministero dell’Ambiente italiano, Corrado Clini, l’Ambasciatore italiano in Brasile, Raffaele Trombetta, il Presidente dell’ICE Agenzia, Riccardo Monti, il Presidente di Forum da Americas Mario Garnero, il Responsabile Energy Management di Enel Green Power Brasile, Marcio Trannin.

La Croce di Luce, spiega una nota del Ministero dell’Ambiente, diaframma nero, una roccia, un muro di fortissimo spessore ricoperto di pannelli fotovoltaici di colore scurissimo per attrarre e catturare l’energia del sole, della lunghezza di oltre 10 metri, per una altezza di 8 metri, tagliato al centro da un vuoto a forma di croce, si staglia di fronte alla spiaggia di Copacabana. L’installazione innalzata per celebrare la visita del papa a Rio de Janeiro costituisce il simbolo di un messaggio di speranza e di aspettativa per il futuro. Di giorno il grande schermo interrompe l’irraggiamento del sole sulla spiaggia realizzando un’ombra che cambia di forma al mutare delle ore; l’ombra grigia e’ tagliata dalla luce che attraversa la croce incisa sullo stesso schermo in modo da proiettare i raggi solari sulla sabbia e disegnare una croce di luce di diverso colore e temperatura rendendo cosi’ visibile e percepibile la forza dell’energia naturalmente disponibile nel creato. Si tratta di un’energia inesauribile, rinnovabile, pulita, disponibile per tutti e non inquinante. Un’energia che le tecnologie attuali ci consentono di utilizzare e produrre senza i devastanti effetti prodotti dall’uso del petrolio o dai suoi derivati. Di notte, la luce che i vitrei pannelli solari prodotti ed installati con contributo dell’italiana Enel Green Power hanno raccolto durante la giornata trasformandola in energia continua, viene resa visibile e percepibile da un filo continuo di LED disposto lungo il perimetro della croce che artificialmente ma naturalmente si illumina. Natura e artificio, cioe’ l’Ambiente naturale e le attivita’ umane trovano la propria sintesi in questa opera immaginata per celebrare salvaguardia del creato e sviluppo sostenibile come due necessita’ strettamente correlate tra loro e, per il futuro assolutamente necessarie. E’ questo che la “croce di luce” intende rappresentare quale un simbolo universale di una fonte di energia eterna.

{lang: ‘it’}
Print Friendly