RICERCHE: C’è un Ufo gigante sotto il Polo Sud? Le scoperte ed i misteri del “Lago Vostok”





Avevano cominciato a cercarlo dopo averlo scoperto casualmente nel 1989, ispirati forse dal mitico Viaggio al centro della Terra di Jules Verne. Vent’anni dopo la caduta dell’Urss, gli scienziati russi ce l’hanno fatta: dopo lunghissimi lavori di perforazione, hanno raggiunto le acque cristalline di Oriente (Vostok), il misterioso lago sotterraneo intrappolato a4 chilometridi profondità nella calotta glaciale del polo Sud. La missione, hanno annunciato alcune sue fonti riprese dai media russi, è stata portata a termine il 5 febbraio dall’Aasei, Istituto per l’Esplorazione Scientifica di Artico e Antartico, e dalla 57esima Spedizione Polare Marina Geosurvey (Pmge).

L’enorme bacino, isolato sotto l’Antartico a 3768 metridalla superficie da centinaia di migliaia di anni, o forse milioni (qui la sua unicità), misura250 chilometridi lunghezza e 50 di larghezza. Secondo gli esperti potrebbe contenere forme di vita sconosciute e permetterà di realizzare studi scientifici decisivi sui cambiamenti climatici. La sua scoperta vent’anni fa – una delle più grandi a livello geografico nella seconda metà del XX secolo – avvenne per caso: i sovietici stavano svolgendo ricerche sulla paleoclimatologia. Gli scavi, avviati nel 1989 da una spedizione congiunta che vide anche la partecipazione di scienziati francesi e americani, furono interrotti negli anni 90 post-sovietici per mancanza di fondi. Ripresero solo nel 1996, per poi essere nuovamente interrotti nel 1998 dopo i timori sollevati da alcuni scienziati internazionali di una possibile catastrofe ecologica dovuta alle vetuste tecnologie perforative utilizzate all’epoca (tra cui un antigelo a base di kerosene).

A completare i lavori oggi con mezzi moderni sarebbe stato l’Istituto minerario di San Pietroburgo. Un anno fa Iuri Trutnev, ministro russo per le Risorse Naturali e l’Ecologia, aveva anticipato l’evento commentando: “Ci attende un evento di portata mondiale nel 2012. Nessuno è ancora riuscito a toccare una tale profondità sottola Terra”. L’esame della calotta glaciale e delle acque permetterà agli specialisti di fare previsioni sui cambiamenti climatici naturali per i prossimi millenni: proprio sotto il lago si troverebbero dei bulbi gassosi. L’esplorazione riprenderà a dicembre 2012, con l’avvio della stagione estiva (in Antartide l’inverno dura 10 mesi).

La zona di Vostok è ammantata di mistero oltre che di ghiaccio, da sempre. Non ultima la sparizione del team di scienziati impegnati nei lavori in questi giorni, di cui hanno dato notizia network importanti comela Fox, poi  riapparsi improvvisamente dopo una settimana di comunicazioni interrotte.

L’acqua che contiene è purissima, incontaminata dall’ambiente terrestre, e così è rimasta per venti milioni di anni. L’ecosistema è quindi quello di quell’epoca, con tutto ciò che può comportare per forme di vita vegetali, animali, microbiali. Ma c’è molto di più. Il lago è sovrastato da una cava di ghiaccio, che contiene ossigeno e esercita pressione. A questo si aggiunge la temperatura dell’acqua, che verso la superficie è più fredda, ma che in alcune zone arriva intorno ai 30 gradi. Un posto piacevole per nuotare, se non fosse tremila metri sotto l’Antartide. Il fenomeno viene spiegato con un’ipotesi suggestiva: il bacino che ospita il lago sarebbe in una zona in cui la crosta terrestre è più sottile, da qui l’acqua temperata. La scienza considera Vostok come un campo di allenamento per comprendere Europa, satellite di Giove dalla composizione ambientale molto simile a questo tesoro chiuso nello scrigno dell’Antartide.

Il bacino del lago Vostok potrebbe essere un vero e proprio endopianeta, un mondo sconosciuto e autonomo all’interno del pianeta Terra, rimasto a venti milioni di anni fa. Secondo ipotesi non prive di fascino, il ciclo dell’acqua potrebbe essere completo, la conca della caverna ospitare fenomeni meteo, piogge e temporali e spostamenti d’aria. E forse forme di vita complesse. Sicuramente, ci sono i batteri. Un aspetto che crea più di un problema, perché il nostro mondo e quello dimenticato del lago Vostok potrebbero essere incompatibili. Un agente proveniente dalla Terra potrebbe contaminare e sterminare la biologia del lago in pochi minuti. Così come un agente proveniente dal lago, sconosciuto per il nostro ambiente e potenzialmente pericoloso potrebbe provocare problemi imprevedibili per tutto il pianeta. Per questo nell’opera di scavo, il team russo ha prestato attenzione totale al pericolo di contaminazione biunivoca.

Ma i misteri di Vostok non sono finiti ed aprono le strade alle fantasie piu strane, non ultima quella aliena.

Nella zona sud-occidentale del lago, i team di ricerca hanno individuato e verificato per anni la presenza di una fortissima anomalia magnetica, ritenuta di origine inspiegabile, che si estende 105 x75 km. Alcuni ricercatori pensano che anche questo fenomeno sia da attribuirsi all’assottigliamento della crosta terrestre in quel punto. Ma alcuni rilievi effettuati da rilevatori sismici hanno individuato la presenza di un elemento metallico di forma circolare o forse cilindrica che appare  dal diametro molto esteso, alla base del lago. L’ipotesi è che possa essere questa non specificata struttura a generare l’alterazione di 1000 nanotesla nel campo magnetico di una zona così estesa apre alla presenza di un gigantesco Ufo seppellito di ghiacci, contro chi parla di un elemento meteorico. Di certo c’è che la forma dell’oggetto misterioso appare particolarmente regolare. Voci non confermate riportano che l’agenzia nazionale per la sicurezza degli Usa (NSA) abbia perimetrato la zona, secretato le comunicazioni sull’area e impedisca l’accesso per chiunque, per “evitare contaminazioni”.

Per ora i misteri restano sepolti sotto tre chilometri di ghiaccio e la cortina di silenzio che vige intorno a queste ricerche. Ma la sensazione è che del Vostok e di questo nuovo “Viaggio al centro della terra” si tornerà a sentirne parlare.





{lang: ‘it’}
Print Friendly

Trackbacks

  1. […] lago sotterraneo intrappolato a4 chilometridi profondità nella Continua a leggere la notizia: RICERCHE: C’è un Ufo gigante sotto il Polo Sud? Le scoperte ed i misteri del “Lago Vostok” Fonte: […]