RICCHI: Slim sempre il “Paperone” mondiale, ma è il fondatore di Zara quello che cresce di piu. In Italia il primo è Ferrero





Il 2012 e’ stato un anno di lacrime e sangue, ma non per tutti. Anzi i 100 piu’ ricchi del pianeta hanno aggiunto 241 miliardi di dollari alla loro ricchezza aggregata che, alla chiusura dei mercati lo scorso 31 dicembre, e’ arrivata a 1900 miliardi di dollari. E’ quanto stabilisce il Bloomberg Billioners Index, un indice che viene aggiornato quotidianamente a seconda dell’andamento delle borse. Tra i 100 Paperoni che compongono la lista, solo 16 chiudono l’anno in perdita. “L’anno scorso e’ stato un grande anno per i miliardari mondiali” ammette senza alcun problema Rohn Catsimatidis, il miliardario che possiede il Red Apple Group, in una mail scritta dalla sua villa alle Bahamas, annunciando che “nel 2013 continueranno a cercare di fare investimenti in tutto il mondo, non necessariamente negli Usa, che possano dare loro vantaggi”. Il miliardario che guadagnato di piu’ nel 2012 e’ stato lo spagnolo Amancio Ortega, il fondatore di Zara, che ha visto crescere la sua fortuna da 22,2 miliardi a 57,3 miliardi. Ma e’ Carlos Slim, il magnate messicano delle telecomunicazioni, a mantenere il titolo di uomo piu’ ricco del mondo (75,7 miliardi di dollari), con un tesoro cresciuto di 13,4 miliardi nel 2012. Ha registrato invece ‘solo’ un piu’ 7 miliardi Bill Gates, il fondatore di Microsoft, il secondo piu’ ricco del mondo con 62,7 miliardi.

Warren Buffett, l’82enne guru della finanza americana che e’ diventato la bandiera e il simbolo della crociata di Barack Obama per alzare le tasse ai super ricchi, si e’ invece visto scippare il podio di terzo piu’ ricco da Ortega lo scorso agosto. Ma il miliardario ha comunque aggiunto 5,1 miliardi al suo portafoglio, nonostante lo scorso luglio abbia dato in beneficenza 22,3 milioni di azioni della sua Berkshire Hathaway. Al quinto posto segue un altro campione del low cost, Ingvar Kamprad, l’86enne fondatore di Ikea, con una fortuna di 42,9 miliardi di dollari, cresciuta del 16,6% nell’anno che si e’ appena concluso.

Michele Ferrero e’ il primo italiano in classifica: al 24mo posto con 22,1 miliardi di dollari, Ferrero precede il finanziere filantropo George Soros (25mo con 21,6 miliardi di dollari) e il co-fondatore di Google Sergey Brin (28mo con 21,2 miliardi di dollari). L’imprenditore Ernesto Bertarelli e’ 50mo con 15,2 miliardi di dollari. Leonardo Del Vecchio si piazza in 54ma posizione con 14,2 miliardi di dollari, staccando l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg. La deludente initial public offering di Facebook ha ‘ridotto’ la fortuna di Zuckerberg, calata nel 2012 di 5,2 miliardi di dollari, o il 29,9%, a 12,3 miliardi. Dalla classifica stilata dall’agenzia Bloomberg emerge come fra i 100 piu’ ricchi al mondo solo 16 hanno visto calare la propria ricchezza lo scorso anno. Fra questi quello che ha accusato le perdite maggiori e’ stato il brasiliano Eike Fuhrken Batista, che si e’ ‘impoverito’ di 10,1 miliardi di dollari e alla fine di dicembre conta solo su 12,4 miliardi.

{lang: ‘it’}
Print Friendly