Piazza delle Notizie – LIBERA – Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime di mafia – Il 21 marzo a Locri

 

Come ogni anno, l’associazione LIBERA organizza la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, promossa da Libera e Avviso Pubblico in collaborazione con la Rai, che quest’anno si svolgerà martedì 21 marzo 2017 a Locri.

“Non poteva esserci luogo più indicato che la Locride per questa giornata. Questa è una terra che ha sofferto e soffre. Questa terra è ancora bagnata di sangue e la Chiesa non può che stare vicino a chi soffre, ai familiari delle vittime innocenti. La Locride piange ancora i suoi figli”. Così ha aperto la conferenza stampa Monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, nel Centro Pastorale presso la Chiesa Cattedrale di Locri, dove sabato 21 gennaio quando è stata presentata la XXII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

La giornata si svolgerà a Locri e in contemporanea in tanti luoghi in tutta Italia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie “Luoghi di speranza, testimoni di bellezza”.

Come ogni anno, nel primo giorno di primavera, simbolo di rinascita, la rete di Libera, gli enti locali, le realtà del terzo settore, le scuole e tanti cittadini, assieme alle centiania di familiari delle vittime, si ritroveranno in tanti luoghi, per ricordare nome per nome tutti gli innocenti morti per mano delle mafie, creando in tutto il Paese un ideale filo di memoria, quella memoria responsabile che dal ricordo può generare impegno e giustizia nel presente.

La lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie, nello stesso giorno, alla stessa ora unirà Locri con tantissimi luoghi. Tutti insieme per griodare no alle mafie, alla violenza, al malaffare.

La memoria rafforzi l’impegno contro ogni tipo di mafia, per non rimanere indifferenti, per dire ICare a me sta a cuore. Un impegno che verrà testimoniato da migliaia di giovani che parteciperanno a questa bella manifestazione.

{lang: ‘it’}
Print Friendly