Marco Paoli e il “The theater box” un progetto di “teatro diffuso” per portare nelle piazze e nei luoghi di maggior afflusso turistico l’arte del teatro

Il borghigiano e attore professionista Marco Paoli, come si dice, ne ha inventata una nuova. Dopo progetti come “Vino Divino” e altre idee il poliedrico artista mugellano, si inventa il “The theater box”.

Un’idea di “teatro diffuso” che prevede una istallazione teatrale costituita appunto da un piccolo Teatro da strada (tipo teatro dei burattini) abitato però da un attore il quale reciterà o leggerà a richiesta del pubblico brani e poesie. I brani, monologhi e poesie saranno scelti dal pubblico da un menù presentato dall’attore. L’attore reciterà il brano prescelto al singolo spettatore interessato in una sorta di “confessione” teatrale.

Un’idea davvero originale e molto interessante che ha come obiettivo principale quello di portare nelle piazze e nei luoghi di maggior afflusso turistico l’arte del Teatro e a fronteggiare la ormai conclamata crisi di idee e di pubblico subita da questa antica forma arte, culminata nella chiusura di numerosi Teatri in moltissime località italiane.
Il progetto prevede anche la presenza di un musicista (chitarrista classico) che oltre ad accompagnare musicalmente l’attore, avrà a sua volta un menù dal quale esguire brani a richiesta per il pubblico.
L’istallazione Teatrale necessita di uno spazio di pochi metri quadri, in una zona “protetta” sia essa strada o angolo di piazza e di un attacco per la corrente. Il compenso sarà a offerta o “cappello”.

La durata dell’intervento è fissata in ore 3-4 a partire dal pomeriggio. L’installazione può avere la durata di un giorno oppure dell’intero arco della manifestazione in cui viene accolta (fiera, festival artistico ecc).
L’installazione non ha alcun costo a carico dell’organizzazione in quanto il compenso è previsto, come già esposto sopra, a offerta o a “cappello”.

Quindi, Amministrazioni, Pro Loco, comitati, associazioni, si facciano avanti per accogliere questa bella e interessante idea.

 

{lang: ‘it’}
Print Friendly