LIRICA: Grande successo per Raina Kabaivanska ed i suoi allievi nella prima di Serata d’Onore





Una platea piena che non si è risparmiata nell’applaudire, un livello artistico notevole con delle voci di cui sentiremo sicuramente parlare, un’accoglienza curata e raffinata e sopratutto una madrina di eccellenza che, commossa, non ha saputo rinunciare a cantare un brano con i suoi allievi malgrado il piccolo problema di salute che le ha impedito di esprimere la sua voce conosciuta in tutto il mondo.

Non può che essere archiviata come un vero e proprio successo la prima edizione (anzi l’edizione 0, come ha tenuto a precisare l’organizzatore Marco Pullara) di “Serata d’Onore”, svoltasi al Teatro Giotto di Borgo San Lorenzo, ancora una volta cornice privilegiata per la musica.

Raina Kabaivanska, una delle voci più celebri della Lirica mondiale, seppur limitata in parte dal forte raffreddore dei giorni precedenti è stata madrina di eccellenza della serata, 18 anni dopo la sua ultima esibizione a Borgo San Lorenzo, percorrendo un interessante quanto divertente excursus tra la sua carriera, l’impegno nell’insegnamento ed il ruolo della Fondazione da lei creata, duettando con Paola Leoni, presentatrice della serata e con il Sindaco di Borgo San Lorenzo, Giovanni Bettarini, che nell’occasione le ha conferito lo “Scarabeo” della Città di Borgo San Lorenzo, massima onorificenza del paese mugellano, che ricorda uno dei simboli delle prestigiose ceramiche Chini.

Strepitose le esibizioni degli allievi della Kabaivanska, impegnati nelle esecuzioni di 13 arie, con una nota particolare per il tenore Aldo Caputo, che ha veramente acceso la platea, insieme con i soprani Yeo Ji Won ed Elisaveta Martirosyan, il baritono Daniel Stefanov tutti accompagnati dal pianoforte di Ulla Casalini.

Il pubblico ha ascoltato in religioso silenzio non lesinando applausi al termine di ogni esibizione e scatenandosi nel gran finale sul “Libiamo de’ lieti calici”, nei quali ai quattro allievi si è aggiunta l’illustre maestra.

Dunque un buon battesimo per il format “Serata d’onore” proposto dall’Associazione “Mugello DOC”, in un evento patrocinato dai Comuni di Borgo San Lorenzo e Lastra a Signa oltre alla Provincia di Firenze e all’Unione Montana dei Comuni del Mugello, che è riuscito anche nel suo scopo filantropico ovvero quello di raccogliere fondi per laFondazione Raina Kabaivanska” e quindi finanziare borse di studio e master-class riservati a giovani studenti di canto provenienti da tutta Europa.

Data anche la buona riuscita della serata, così come annunciato da Paola Leoni nel corso del concerto, già da adesso inizierà il lavoro degli organizzatori per l’Edizione “numero1”, prevista indicativamente per il febbraio 2013, sempre all’insegna dell’alta qualità.

Qualità e stile che ha accompagnato gli spettatori anche in questo primo evento, accolti da un servizio di welcome a base di prodotti tipici e di pasticceria, così come il caffè, tutti “Made in Mugello”, nel segno del legame che si vuol stringere tra lo spettacolo, che ogni anno varierà la propria forma artistica, ed il territorio che ospita la serata.

 

Non possiamo che ritenerci soddisfatti, spiega Marco Pullara, organizzatore dell’evento, al termine della serata, per questa prima edizione che, come tutte le prime volte serve anche per migliorarci. Crediamo di aver creato una piacevole serata, oltre che di alta qualità, che gli ospiti hanno apprezzato già informandosi su quella futura. Dobbiamo ringraziare la direzione del Teatro Giotto, gli Enti ed i privati che già da questo primo evento hanno creduto in noi e che crediamo possano essere soddisfatti della loro scelta. Adesso ci mettiamo già al lavoro per la prossima edizione, per la quale abbiamo già molte idee ma che partirà ancora una volta dal connubio tra grande arte, eccellenze del territorio e filantropismo”.

Fotocronaca di Maurizio Fiorenzani

{lang: ‘it’}
Print Friendly

Trackbacks

  1. […] allievi malgrado il piccolo problema di salute che le ha impedito Continua a leggere la notizia: LIRICA: Grande successo per Raina Kabaivanska ed i suoi allievi nella prima di Serata d’Onore Fonte: […]