LIBRI: Aldo Giovannini ripercorre la storia del Carnevale Mugellano. Sabato la presentazione





Sarà presentata ufficialmente sabato prossimo, 17 dicembre con un incontro solenne al Teatro Giotto, l’ultima fatica di Aldo Giovannini filtrano. Dopo tante opere che negli anni hanno raccontato il Mugello e Borgo San Lorenzo in particolare, dopo la storia di gloriose società sportive, stavolta l’appassionato storico mugellano ha dato alla luce (perchè l’impegno che ci è voluto e la passione mostrata è proprio quello della partoriente) un libro sulla storia del carnevale, manifestazione, al contrario che in altre zone della Provincia di Firenze, molto sentita in Mugello. Si tratta di un’opera enciclopedica, di  396 pagine, formato 4/A super, con ben 1091 fotografie e diversi disegni in acquerello del pittore Enrico Pazzagli, raffigurante le scene delle sfilate carnevalesche quando ovviamente non c’era la macchina fotografica. “Un lavoro, ci spiega l’autore,  che è costato quasi due anni di ricerche. Il libro è articolato in decenni e al termine  di ogni decennio c’è la storia anche degli altri paesi mugellani. In questo libro è stata inserita anche la storia della Polentata delle Ceneri poiché questa evento è sempre stato collegato al termine del Carnevale. Una sorta di lungo percorso folcloristico con un cambiamento di costume davvero entusiasmante.”

Nel lungo arco che caratterizza, in tutte le sue sfaccettature, la storia mugellana, dalla civiltà alla cultura, dalla cristianità all’arte, dalla musica alla letteratura, dal lavoro alla socialità, dal volontariato allo sport, non poteva non entrarci in questo grosso libro una  parentesi di una secolare esistenza, anche il folclore, il costume, il divertimento.

“Ecco il motivo di un libro, spiga vivamente soddisfatto Giovannini, che riassuma momenti di spensieratezza, un modo cioè di vivere in precisi periodi dell’anno, lasciandosi alle spalle il quotidiano per entrare in un contesto dove tutto pare libero, evanescente, brioso. Il periodo carnevalesco – di questo si parla – fa parte del contesto umano universale (ciascuno con le sue prerogative) e il Mugello non è immune. Il lettore entrerà fra le pagine di una storia vissuta, con momenti, episodi, personaggi, fra manifestazioni, eventi, sfilate, maschere in mezzo ai coriandoli e filante, per la gioia dei grandi e dei piccini. Un lungo arco dove sono tornati alla luce anche migliaia di volti noti e meno noti di borghigiani, di mugellani, che ormai erano stati dimenticati e sepolti dal tempo, ma che in questo libro sono ritornati alla luce, sulle strade a godersi momenti di festa e spensieratezza. Questi libri, senza nessuna velleità letteraria e culturale, servono anche a questo.”

Il libro, commissionato dal Comitato del Carnevale Mugellano dei Ragazzi, potrà dunque essere una simpatica strenna natalizia, da sfogliare magari sotto l’albero di Natale, ricordando tanti momenti di festa che hanno segnato il Mugello in un arco temporale notevole. Occasione per capire quello che siamo e dove stiamo andando.

Nel corso della serata di sabato, al teatro Giotto, alle 14.30 l’apertura della Mostra del pittore Pazzagli e quella fotografica sui 40 anni di attività del Teatro Idea. Quindi, dalle 15,  la presentazione del libro alla presenza, oltre che dell’autore, di Pierluigi Naldi, del Sindaco Giovanni Bettarini e delle ricercatrici storiche Elisa Marianini Barletti e Maria Pia Paoli.

{lang: ‘it’}
Print Friendly