Le Velò – I premiati di quest’anno

Lunedì torna “Le Velo”, giunto alla sua ventunesima edizione: grazie all’impegno della giuria del premio, guidata dal Viceministro Riccardo Nencini, ideatore del Premio, di Leonardo Manzani e della Fattoria il Palagio, nonchè degli sponsor, anche questa edizione si presenta ricca di personaggi e storie da raccontare che sono la vera anima dello sport e quindi anche della nostra società civile. Appuntamento alle 20 per una edizione ancora da ricordare.

Per ulteriori informazioni, l’albo d’oro e le foto degli scorsi anni www.levelo.it

Ecco i premiati di quest’anno:

Michele Romano

Michele Romano, grevigiano, ha dedicato una vita allo sport ed al Karate in particolare. Per 13 anni nella Nazionale Italiana sotto la direzione tecnica del M° Takeshi Naito. Nel 2003 si ritira dall’agonismo, avendo partecipato a tornei anche a livello mondiale, ottenendo anche diversi successi, e continua la pratica del karate anche partecipando ai vari seminari che tiene il M° Hiroshi Shirai in Italia. Responsabile tecnico dell’Associazione Sportiva Tzubame, collabora anche con società calcistiche ed atleti di varie discipline, mettendo a disposizione la sua esperienza e formazione. Per quello che è uno dei punti di riferimento del Karate toscano, un premio alla carriera per la diffusione e l’insegnamento di tale disciplina, fatta di lavoro, impegno e dedizione.

Andrea Pieri

Presidente della Rari Nantes Florentia, società ultracentenaria, dal 1988 al 1993 e di nuovo dal 2006, nonché vicepresidente nazionale della Federnuoto, ha saputo creare una società sportiva di assoluto valore, con una squadra in serie A1 maschile, dopo la promozione del campionato scorso ed un solo anno di purgatorio, una in A1 femminile oltre all’attività di nuoto ed altre discipline. Insomma un vero e proprio punto di riferimento per una città in cui fare sport di squadra ad alto livello non è facile. Con la Federazione nuoto vanta notevoli successi, non ultimi quelli dei nostri atleti agli ultimi mondiali.

Elena Pirrone

Diciottenne bolzanina, la ciclista Elena Pirrone ha vissuto un 2017 eccezionale a livello di risultati conquistando, un eccezionale bis ai mondiali di Bergen in Norvegia divenendo campionessa del mondo juniores sia in linea, con un successo ottenuto per distacco dopo una fuga di 26 km sui 76,4 in programma, sia a cronometro davanti alla compagna Alessia Vigilia. Sempre quest’anno l’atleta del Gruppo Sportivo Mendelspeck è divenuta campionessa europea a cronometro ad Herning in Danimarca ed ha conquistato la medaglia di Bronzo ai Mondiali su Pista a Montichiari nell’inseguimento individuale, segno della poliedricità di questa promessa, ma si potrebbe dire già realtà, del ciclismo italiano.

Gabriele Rossetti

Gabriele Rossetti, ventiduenne di Ponte Buggianese, è stato introdotto al tiro a volo dal padre, il già bronzo olimpico Bruno Rossetti, suo primo allenatore. Malgrado la giovane età conquista già a 19 anni a Granada il bronzo ai mondiali di Granada. Ma il punto più alto lo raggiunge alle olimpiadi di Rio de Janeiro, lo scorso anno dove si è laureato campione olimpico nello skeet grazie ad una prestazione memorabile: 16/16 in semifinale, 16/16 in finale. Anche quest’anno si è confermato ai vertici della specialità vincendo la medaglia d’oro anche ai Mondiali di tiro disputati a Mosca. Rossetti ha poi fatto il bis grazie all’oro a squadre vinto insieme a Tammaro Cassandro e Riccardo Filippelli.

Renzo Ulivieri

Nato a San Miniato, toscano verace e mai banale, Renzo Ulivieri vanta una lunga carriera, con anche diverse vittorie di campionati o promozioni. Esordisce in Serie A nel campionato 80-81 sulla panchina del Perugia. Allena quindi la Sampdoria, il Cagliari, il Modena, il Vicenza, il Bologna, il Napoli, il Parma, il Torino e la Reggina. Presidente dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio, che sta ottenendo successi in tutta Europa grazie alla formazione dei nostri tecnici come Ranieri, Conte, Ancelotti, ed altri, si è anche incatenato ai cancelli della FIGC a causa della rimozione dell’obbligatorietà del patentino di tecnico in alcune serie minori. Impegnato anche a livello politico, persona abituata a parlare fuori dai denti ha esternato chiara la sua posizione anche al momento del caos federale all’indomani dell’uscita dell’Italia dai mondiali con la Svezia.

 

Come sempre spazio anche alla beneficenza: quest’anno ad essere premiata l’associazione Voa Voa! Onlus – Amici di Sofia è una giovane associazione nata per dare assistenza socio-sanitaria, sostegno psicologico, legale ed economico alle famiglie con figli colpiti da patologie rare neurodegenerative diagnosticate in età pediatrica. La mission di Voa Voa! Onlus si rivolge a tutta la società civile promuovendo campagne di sensibilizzazione e finanziando la Ricerca Scientifica che incoraggia progetti innovativi e orientati al miglioramento delle condizioni di vita dei già bambini sintomatici, spesso invisibili, in quanto rari e compromessi irrimediabilmente dalla malattia.

{lang: ‘it’}
Print Friendly