In arrivo apparecchiature speciali per le ricerche della persona scomparsa a Bilancino.

Riprese stamani le ricerche del canoista 79enne, di Prato, scomparso da sabato sera nelle acque del lago di Bilancino, sono state di nuovo interrotte dall’arrivo dell’oscurità.

Le ricerche sono condotte da vigili del fuoco, carabinieri e squadre di volontari. Sul posto, dopo l’allarme dato dalla moglie, i vigili del fuoco del comando di Firenze ai quali si sono aggiunti gli uomini del nucleo sommozzatori di Livorno. La canoa era stata ritrovata rovesciata nella serata di sabato, mentre nella zona pioveva e tirava un forte vento. Nonostante le difficoltà dovute al maltempo è stata effettuata anche una ricognizione area di tutto l’invaso con l’ausilio di un elicottero proveniente dal nucleo dei vigili del fuoco di Arezzo.

vigili del fuoco

Le ricerche proseguono via terra e sullo specchio d’acqua. Alle operazioni di ricerca partecipa anche il personale dell’Arma dei carabinieri oltre a squadre di volontari. Ma oggi le ricerche non hanno dato novità sostanziali. Una squadra di sommozzatori dei vigili del fuoco di Milano, dotata di un’attrezzatura speciale tra cui un potente sonar per scandagliare il fondale, sarà al lavoro da domani sul lago di Bilancino.

Il ‘Side scan sonar’ che sarà impiegato consentirà di effettuare rilievi del fondale del lago, evidenziando tutte le difformità rispetto al fondo piatto di riferimento. Nelle ricerche sarà utilizzato anche un robot subacqueo ‘Rov’, capace di immersioni più prolungate rispetto a quelle che potrebbe fare un sommozzatore a causa della bassa temperatura dell’acqua.

Le stesse apparecchiature sono state utilizzate nelle operazioni di soccorso per il naufragio della Costa Concordia.

{lang: ‘it’}
Print Friendly