Il successo di Marco Paoli al Teatro Nero di Modena con l’AMANTE di Harold Pinter

 

Nei giorni 14 e 15 Gennaio 2017 è andato in onda al Teatro Nero di Modena lo spettacolo L’Amante di Harold Pinter per la regia di Marco Paoli che è anche interprete insieme a Rita Azzone. La produzione è dello stesso Teatro Nero.

Marco Paoli, regista e autore, oltreché attore, si avvale di un’esperienza artistica trentennale. Dotato di un talento fuori dal comune, ha messo in scena una tra le Opere più bizzarre e famose di Harold Pinter (drammaturgo britannico premio Nobel per la letteratura). Una regia curata, raffinata ed elegante. Ogni azione scenica è inquadrata alla perfezione. Il regista, anche interprete del ruolo di Richard/Max  è riuscito magistralmente  a far emergere la vulnerabilità dei sentimenti con una capacità tale da valorizzare ancora di più il già straordinario testo, accompagnato in scena  da una bravissima e superba Rita Azzone. Lei è Sarah, bella, algida, con i capelli rossi e occhi azzurro ghiaccio,  apparentemente gioca intorno alle debolezze di Richard.

Si può tranquillamente scomodare la “Venere in pelliccia” di Leopold von Sacher-Masoch. I due protagonisti Richard e Sarah, marito e moglie,  diventano vittime e carnefici vicendevolmente. Le loro spinte passionali oscillano in un altalenante gioco di pulsioni contrapposte e contraddittorie: da una parte l’estasi celestiale, dall’altra lo sconforto più terrificante.

La passione, il desiderio, la trasgressione come emblema di tutto ciò che li porta ad essere complici al limite del diabolico nel disperato bisogno di amarsi e di esorcizzare una monotona e quotidiana vita coniugale.

Efficace la scenografia che si rifà alle opere di Mondrian. Le luci, precise e puntuali  sono state disegnate da Giuseppe Savastano.

      

 Sabrina Tarabella

{lang: ‘it’}
Print Friendly