Figline e Incisa Valdarno – Scade il 1° febbraio il bando per le attività lavorative occasionali – I dettagli

figline incisa valdarno

C’è tempo fino all’1° febbraio per partecipare al bando che permette di svolgere attività lavorative occasionali per il Comune di Figline e Incisa Vadarno in cambio di buoni lavoro (voucher Inps del valore nominale di 10 euro, che al netto della prestazione corrispondono a 7,50 euro l’ora). Si tratta di interventi sul verde pubblico e di manutenzioni stradali, che verranno eseguiti su tutto il territorio comunale su indicazione degli uffici, per un massimo di 150 ore a persona su un totale di 1000 ore complessive. Nello specifico, ogni attività comporterà l’impiego del lavoratore per un massimo di 8 ore al giorno e di 36 ore a settimana, che potranno essere svolte anche nei fine settimana, nei giorni festivi e prefestivi.

Per poter accedere al bando è necessario essere residenti a Figline e Incisa Valdarno, essere cittadini italiani, cittadini di uno Stato dell’Unione Europea o cittadino extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Tra i requisiti per la partecipazione – oltre che un Isee inferiore a 16.500 euro – occorre essere iscritti anche ad un Centro per l’impiego, nella categoria disoccupati oppure inoccupati di lunga durata che non percepiscono ammortizzatori sociali.

La domanda di ammissione potrà essere inviata a mezzo raccomandata A.R. (da indirizzare al Comune di Figline e Incisa Valdarno – Ufficio Personale – Piazza IV Novembre, 3 – 50063 Figline e Incisa Valdarno) oppure per posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo comune.figlineincisa@postacert.toscana.

E’ anche possibile consegnarla a mano presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Figline e Incisa Valdarno (in piazza IV Novembre 3 a Figline, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle ore 13; il martedì e il giovedì dalle 15 alle 17,30).

In caso di invio per posta a mezzo raccomandata non fa fede la data di spedizione della domanda, ma la data di arrivo all’Ufficio Protocollo del Comune. Le domande di partecipazione dovranno arrivare entro le ore 13 dell’1 febbraio 2016. Il bando completo e il modulo di partecipazione sono disponibili sul sito www.comunefiv.it.

“Abbiamo deciso di avviare questo nuovo progetto sperimentale perché vogliamo che gli interventi del Comune di sostegno al reddito si allontanino da logiche puramente assistenziali – ha commentato l’assessore alle Politiche sociali, Ottavia Meazzini -. Questo progetto, così come quello del Baratto sociale, si concentra infatti su percorsi di reinserimento lavorativo, che permettano di riattivare cittadini da molto tempo inattivi e in condizioni di difficoltà economica e sociale, dando loro la possibilità di prestare servizio presso l’ente insieme alle nostre squadre esterne. È proprio per questo motivo che, nello stilare le graduatorie, a parità di punteggio sarà data priorità alla persona più anziana di età, in modo da privilegiare chi ha perso il lavoro in età adulta e ha maggiori difficoltà di reinserimento nel mondo del lavoro. Oltretutto, per la fascia 18-29 anni, il Comune ha appena attivato tre bandi GiovaniSi che permetteranno di fare un’esperienza lavorativa in alcuni settori dell’ente”.

 

{lang: ‘it’}
Print Friendly