FIGC: 18 club e 26 tesserati deferiti da Palazzi

Sono finalmente arrivati i tanti attesi (meno che da chi coinvolto) deferimenti della FIGC e del Procuratore Palazzi, al termine dell’inchiesta di Calciopoli. Sono 18 i club, di cui 2 di A e 3 di B, che saranno giudicati, per responsabilità diretta od oggettiva e che rischiano dalla retrocessione a pesanti penalizzazioni (si parla di 7 punti circa ad illecito accertato).  Con una nota la Federcalcio comunica che due societa’ di serie A, Atalanta e Chievo Verona, tre di serie B, Ascoli, Hellas Verona e Sassuolo, undici di Lega Pro, Alessandria, Cremonese, Benevento, Ravenna, Virtus Entella, Piacenza, Esperia Viareggio, Portogruaro, Taranto, Spezia e Reggiana, due della Lega Dilettanti, Cus Chieti e Pino Di Matteo, sono state deferite oggi alla Disciplinare dal Procuratore federale Stefano Palazzi sulla base degli atti di indagine posti in essere dalla Procura della Repubblica di Cremona e della successiva attività istruttoria in sede disciplinare. Oltre ai diciotto club sono stati deferiti 26 tesserati per differenti violazioni: Erodiani, Paoloni, Parlato, Bellavista, Buffone, Bressan, Gervasoni, Micolucci, Signori, Sommese, Tuccella, Furlan, Bettarini, Fabbri, Gibellini, Santoni, Manfredini, Tisci, Doni, Deoma, Zaccanti, Veltroni, Rossi, Ciriello, Quadrini e Saverino. Per questi ri rischiano pene che vanno fino alla radiazione. Ovviamente in parallelo procede il processo penale. Nei prossimi giorni le sentenze anche se la Lega di Serie A ha fissato tranquillamente la compilazione dei calendari e della coppa, il che lascia presagire che, se anche con eventuali punti in meno, la composizione della massima serie non sarà toccata. E’ infatti una accusa di responsabilità oggettiva quella che ha portato la Procura della Federcalcio al deferimento di Atalanta e Chievo, oltre che alla maggioranza degli altri 16 club coinvolti nell’inchiesta sul calcioscommesse. Di ”responsabilità diretta” si parla – nelle 32 pagine del deferimento del procuratore Stefano Palazzi – solo per Ravenna ed Alessandria.

{lang: ‘it’}
Print Friendly