FIESOLE: Incidente di caccia. Padre uccide inavvertitamente il figlio





E’ stato trasportato in ospedale in auto dal padre che lo aveva colpito accidentalmente con un colpo di fucile da caccia, l’uomo di 32 anni morto questa mattina. L’incidente e’ avvenuto nei boschi in localita’ Bagazzano, a Fiesole. Quando e’ arrivato all’ospedale di Ponte a Niccheri, poco dodo le 5, il ferito era ormai in condizioni disperate: gli operatori sanitari hanno aiutato il padre a estrarlo dell’auto, ma il trentaduenne e’ morto poco dopo a causa dell’emorragia causata dalla ferita.

Erano da poco entrati nel bosco quando sarebbe inciampato e dal suo fucile e’ partito un colpo che ha colpito in pieno e ucciso il figlio di 32 anni. L’incidente di caccia e’ successo questa mattina, intorno alle 5.30, nei boschi di Fiesole, in provincia di Firenze, in localita’ Bagazzano. La vittima, Lorenzo Cerbone, era residente a Firenze. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Fiesole ed il 118. Secondo quanto emerso da una prima ricostruzione dei Carabinieri, l’incidente e’ accaduto quando la battuta di caccia alla lepre non era ancora cominciata. Padre e figlio, entrambi residenti nella zona di Rovezzano (Firenze), camminavano appaiati in un sentiero. Il padre, 62 anni, e’ inciampato cadendo a terra e dal suo fucile, un Beretta calibro 12 regolarmente detenuto, e’ partito accidentalmente il colpo che ha ucciso il figlio. Il padre, sentito dai Carabinieri, si trova in stato di choc. Secondo i primi accertamenti, il colpo sarebbe partito perche’ non avrebbe preso tutte le cautele necessarie nell’utilizzo dell’arma. I militari hanno raccolto anche la testimonianza dello zio della vittima: l’uomo, 44 anni, si trovava alcuni metri avanti ai due e si e’ girato dopo aver udito lo sparo vedendo il nipote accasciato a terra. Ogni tentativo di rianimarlo e’ stato vano.

{lang: ‘it’}
Print Friendly

Trackbacks

  1. […] di Ponte a Niccheri, poco dodo le 5, il ferito era ormai in Continua a leggere la notizia: FIESOLE: Incidente di caccia. Padre uccide inavvertitamente il figlio Fonte: […]