DONAZIONE: Mugello 88 e AVIS insieme per un gesto di solidarietà





La squadra di pallacanestro della Polisportiva Mugello ‘88, si è tolta grandi soddisfazioni in campo nella stagione appena conclusa, conquistando una salvezza strameritata, quanto sofferta ed inattesa dopo la fine del girone di andata, in Promozione, aggiudicandosi il Campionato di A/2 UISP e giungendo alle semifinali di Coppa Toscana. Ma il loro impegno non si è fermato all’ultima partita di campionato. E Sabato 16 giugno, il direttore sportivo Marco Palmerio, il coach Alessio Barletti ed i ragazzi sono tornati in campo. Su un campo del tutto particolare: il campo della solidarietà in favore di chi ha bisogno di sangue e plasma. Al Centro Trasfusionale dell’Ospedale di Borgo San Lorenzo la squadra è scesa in campo quasi al completo per una donazione di squadra. «Come Avis vogliamo davvero ringraziare la società Mugello ’88, il DS, il coach ed i ragazzi, per essere vicino a chi ha bisogno di sangue. Non solo si sono impegnati in prima persona nella donazione, ma hanno lanciato con loro “gesto di squadra” un messaggio a chi ancora non è ancora donatore di sangue. il gesto assume valore doppio perchè fatto in prossimità del periodo estivo, ogni anno critico per le donazioni di sangue».

“Siamo molto contenti di questo gesto dei ragazzi, spiega Alessio Barletti, che i ragazzi hanno da subito accolto con entusiasmo. E’ nostro compito, con una squadra così giovane, non solo far crescere questi ragazzi in campo, ma anche al di fuori, e non a parole ma con gesti concreti, anche se piccoli. E visto che anche la salvezza e le vittorie che abbiamo conquistato, le abbiamo raggiunte tutti insieme e col cuore, donare sangue tutti insieme ci è sembrato….il giusto modo di attuarlo ed un dovere per ragazzi sani e che fanno sport nei confronti di chi ne può avere bisogno. Un ringraziamento va all’AVIS di Borgo San Lorenzo ed ai responsabili del Centro Trasfusionale, per l’accoglienza e per aver fatto vivere benissimo quella che per tanti era la prima donazione.”





{lang: ‘it’}
Print Friendly