CASTAGNO D’ANDREA: Successo con 3000 visite per gli “Allievi Macchiaioli”





Si è chiusa con un ultimo fine settimana da record la Mostra “Pittori Macchiaioli tra ‘800 e ‘900” che per quasi due mesi ha nobilitato i locali del Centro Culturale “Enrica Rainetti” di Castagno d’Andrea.

Sono stati infatti circa 3000 i visitatori che hanno deciso di salire fin sulle pendici del Falterona per ammirare la seconda parte della biennale dedicata ai Macchiaioli “Vita di una collezione, una collezione di vita”, curata con passione dall’Avvocato Giuseppe Figna e che forse, oltre ogni aspettativa, ha addirittura conquistato la critica del pubblico ancor più dei grandi nomi del primo anno. L’apprezzamento per le 65 opere esposte così come per gli oggetti, la ricostruzione dello studio dell’artista borghese dell’inizio del ‘900 e le atmosfere dell’epoca che hanno aiutano i visitatori ad immergersi idealmente in un angolo d’Italia di un secolo fa, è stato infatti unanime ed ha convinto soprattutto il pubblico critico e specializzato che ha sancito di fatto il successo completo della Mostra.

Veri e propri capolavori di artisti come Tommasi, Ghiglia, Corcos o Ulvi Liegi, per citare solo alcuni dei 30 nomi presenti all’interno della mostra allestita con cura dalla Firenze Laboratori Opera, e che potranno essere ancora ammirati richiedendo il Catalogo della Mostra, unico per il Biennio, già andato a ruba.

“Non posso nascondere la soddisfazione per la completa riuscita dell’evento –ha commentato il Sindaco di San Godenzo Alessandro Manni– che di fatto conferma il successo di iniziative culturali di alto livello anche nei piccoli centri. Voglio quindi ringraziare tutti coloro che si sono spesi, in qualsiasi modo, per la buona riuscita di questa mostra ed in particolare all’Avvocato Giuseppe Figna, amico e ormai figura indispensabile per la riuscita delle nostre esposizioni. Alla luce dei grandi risultati di queste esperienze la volontà di continuare a proporre iniziative del genere è tanta, ma al momento, alla luce della situazione economica sempre più difficile per gli enti locali, sembra davvero un’utopia poter pensare all’allestimento di una nuova esposizione nei prossimi anni. Ad ogni modo –conclude il Sindaco- le idee non mancano e proprio con Giuseppe Figna abbiamo iniziato a pensare a qualcosa per le prossime stagioni. Speriamo di cuore di riuscire ad avere le risorse per continuare su questa strada”.





{lang: ‘it’}
Print Friendly