Castagno d’Andrea – Quarantesima edizione per l’Estate Musicale. Il programma

Torna anche per questo 2018 il classico appuntamento con l’Estate Musicale a Castagno d’Andrea che compie quarant’anni e che, come ogni anno, porta alle pendici del Falterona, alcuni grandi concerti di musica classica, con esecutori di notevole livello. La manifestazione, ad ingresso gratuito, va avanti grazie alla passione del suo ideatore, Don Bruno Brezzi, alla collaborazione di alcuni sponsor ed all’impegno di un piccolo gruppo di volontari.

 

DOMENICA 5 AGOSTO

ore 21.00

Quartetto FONE’

Paolo Chiavacci e Marco Facchini, violini

Chiara Foletto, viola

Filippo Burchietti, violoncello

Il Quartetto Fonè si é formato alla scuola di Franco Rossi,

violoncellista del Quartetto Italiano, perfezionandosi in

seguito con il Quartetto Borodin, insieme al quale ha

presentato l’Ottetto di Shostakovich in varie città italiane,

e con il Quartetto di Tokyo, con il quale ha studiato all’

Università di Yale in qualità di titolare di borsa di studio

della stessa Università; è stato inoltre quartetto in residence

presso il Norfolk Music Festival in Connecticut, dove ha

preso parte a esecuzioni dell’opera integrale di Beethoven e

di Bartok assieme allo stesso Quartetto di Tokyo.

Dopo essersi a_ermato in vari concorsi nazionali (Stresa,

Palmi, Trapani) nel 1989 ha vinto il primo premio al Concorso

internazionale “G.B. Viotti” di Vercelli. Nel Dicembre

91 ha ottenuto il secondo premio al Concorso internazionale

per quartetto d’archi “D. Shostakovich” a San

Pietroburgo dove ha ricevuto anche un premio speciale

della giuria e il Premio Shostakovich assegnato dalla famiglia

del compositore.

Ha tenuto concerti per le maggiori istituzioni concertistiche

in Italia (fra le altre Milano La Scala, Società del Quartetto

e Serate Musicali, Torino Unione Musicale, Roma S.

Cecilia e Filarmonica Romana, Venezia La Fenice, Firenze

Amici della Musica, Napoli “A. Scarlatti” Palermo Amici

della Musica; “Ravenna Festival”).

All’estero ha tenuto concerti in Svizzera, Austria, Germania,

Israele, Francia, Spagna, Grecia, Stati Uniti, Canada e

Giappone (tre tournè per complessivi 37 concerti); ha

e_ettuato registrazioni per la RAI, l’ORF e la Rete televisiva

canadese; RAI TRE ha inoltre trasmesso in video

l’esecuzione integrale degli ultimi quartetti di Beethoven

che il Quartetto Fonè ha condiviso con il Quartetto Hagen

e il Quartetto Bartok per l’Accademia Filarmonica

Romana.

Nell’ambito dell’attività discogra_ ca è da ricordarsi il

Quintetto di Schubert eseguito in collaborazione con

Franco Rossi e il sestetto “Souvenir de Florence” di

Tschaikovskij con Sadao Harada, violoncellista del Quartetto

di Tokyo e Harald Schoneweg, violista del Quartetto

Cherubini, oltre a: Bartok (quart. II), Shostakovich

(quart. VIII), Haydn (quart. op. 76 n. 1), Maderna (quartetto

giovanile)…

Fra gli artisti con i quali il quartetto ha collaborato _gurano

inoltre i pianisti Carlo Bruno, Pietro De Maria, Alexander

Lonquich, Benedetto Lupo, Piernarciso Masi;

Hans-Jorg Schellenberger, primo oboe della Filarmonica

di Berlino; i _autisti Giorgio Zagnoni e Peter Lukas Graf;

il clarinettista Anthony Pay; il violista Danilo Rossi; il

violoncellista Miclos Perenyi.

Il repertorio del Quartetto Fonè concentra particolarmente

l’attenzione sulle composizioni per quartetto di L. van

Beethoven e di B. Bartok, eseguita in cicli integrali presso

diverse società italiane; inoltre si è dedicato parallelamente

alla di_usione della musica contemporanea con prime

esecuzioni di Pennisi, Guarnieri, Cappelli, Grossi, Aralla e

Scannavini

  1. Schubert – Quartettsatz in do minore D. 703
  2. Piazzolla – Fuga Y Misterio
  3. Sollima – Sonnets et Rondeaux

***

  1. Schumann – Quartetto op. 41 n. 2 in fa maggiore

(1- Allegro vivace 2- Andante, quasi variazioni

3- Scherzo, Presto 4- Allegro molto vivace)

 

MARTEDI 7 AGOSTO

ore 21.00

Duo Pianistico:

ALEXANDER LONQUICH

CRISTINA BARBUTI

Cristina Barbuti e Alexander Lonquich sono compagni di

vita dal 1991.

Grazie alla comune passione per il teatro, nel 1999 ha

inizio la loro collaborazione artistica.

Hanno fondato con altri artisti provenienti da campi

diversi il Villon Ensemble , gruppo che si dedica a laboratori

di indagine sull’espressività rivolti a bambini, adolescenti

e adulti non solo musicisti (Campus Internazionale

di Sermoneta, Accademia pianistica di Imola, Scuola di

musica di Fiesole ecc) e a lavori teatrali/musicali in Italia,

Germania e Austria.

Nel 2002, in questo speciale contesto teatrale, ha inizio la

costante attività concertistica del duo pianistico.

Da allora il duo ha a_nato un repertorio sia a quattro

mani sia per due pianoforti sempre più vasto, partendo

dalla letteratura classica e francese _no alla Sonata di

Bartok per due pianoforti e percussioni, opere di Ligeti e

Berio e la Sinfonia concertante per due pianoforti e orchestra

d’archi di Dinu Lipatti.

Cristina Barbuti e Alexander Lonquich appaiono insieme

nelle più prestigiose stagioni concertistiche in Italia,

Svizzera, Austria, Norvegia, USA e Germania e si sono

esibiti durante festival di musica da camera quali Festivo –

Aschau, Elmau, Bebersee, Meiringen, Lofoten, Spannungen

– Heimbach e, da tre anni, ad ogni edizione del festival

di Lockenhaus.

Il duo ha registrato per le più importanti emittenti radiofoniche

europee e collaborato con numerose orchestre tra

le quali: la Stuttgarter Kammerorchester, l’Orchestra da

Camera di Mantova e la Camerata Academica Salzburg.

Nel 2014, insieme ad un piccolo gr uppo di amici, Alexander

Lonquich e Cristina Barbuti hanno creato Kantoratelier

– arte psiche musica teatro, uno spazio performativo e

laboratoriale nella loro abitazione _orentina dove poter

realizzare progetti autonomi e dove possano incontrarsi

diversi linguaggi dell’arte e del pensiero.

  1. SCHUBERT Melodia ungherese D 817
  2. BRAHMS SINFONIA n.3 in fa maggiore

Allegro con brio

Andante

Poco allegretto

***

  1. SCHUBERT OTTO VARIAZIONI

sopra un tema originale in la

bemolle magg. D 813

DIVERTISSEMENT

all’ungherese in sol minore D 818

 

GIOVEDI 16 AGOSTO

ore 21.00

Pianista: GIUSEPPE TANZINI

Giuseppe Tanzini nato a Firenze, ha iniziato i suoi studi

di musica nella stessa città con Ester Lippolis.

Trasferitosi negli Stati Uniti giovanissimo ha continuato

con i maestri Aileen James e Julian White dell’ Università

di Berkeley in California.

Rientrato in Italia nel 1973 si è iscritto al Conservatorio

Cherubini di Firenze, dove nel 1976 si è diplomato con il

massimo dei voti, sotto la guida di Alessandro Specchi.

Vincitore nel 1976 della VI Rassegna neo-diplomati di

Cesena, ha poi seguito corsi di perfezionamento di Orazio

Frugoni ad Arezzo e Firenze e con Harry Dartyner a

Ginevra.

Ha studiato clavicembalo con Annaberta Conti a Firenze

e con Robert Konen del Conservatorio di Bruxelles.

Oltre che in varie città italiane, si è esibito negli Stati

Uniti, in Grecia, in Francia e in Svizzera, dove ha anche

inciso per la radio della Suisse Romande.

Dopo quasi trent’anni di insegnamento di pianoforte

principale presso il Conservatorio A. Boito di Parma, è

attualmente docente presso il Conservatorio Cherubini di

Firenze e presso la Scuola di Musica di Sesto Fiorentino.

L.VAN BEETHOVEN VARIAZIONI

in do minore su tema originale

WoO 80

SONATA op 109

Vivace ma non troppo – Adagio

espressivo – Prestissimo Andante

molto cantabile ed espresssivo

con variazioni.

***

  1. CHOPIN PRELUDIO

in do diesis minore op. 45

IMPROVVISO

  1. 2 in fa diesis maggiore op.36

BARCAROLA op. 60

F.LISZT RAPSODIA UNGHERESE

  1. 12 in do diesis minore

 

MARTEDI 19 AGOSTO

ore 21.00

“CORDAminazioniDUO”

CHITARRA E MANDOLINO

Il progetto “CORDAminazioniDuo” nasce dall’incontro

tra due appassionati musicisti. Accomunati dalla voglia di

proporre “musica d’arte”, attraverso due strumenti che

insieme vengono più comunemente associati al repertorio

di tradizione popolare.

Palladino e Di Ienno hanno dato vita ad una formazione

innovativa, capace di fondere il caratteristico tremolo del

mandolino al pizzicato della chitarra, attraverso composizioni

originali e trascrizioni, che mettano in luce le grandi

potenzialità espresse da questi due strumenti.

Il concerto o_re al pubblico un viaggio attraverso i secoli,

percorrendo i diversi linguaggi della musica colta.

Dall’evoluzione della forma Sonata barocca con Corelli e

Gervasio, ad una nuova frontiera della musica contemporanea

con Bellafronte; dal “bel canto” italiano con Rossini

e Mascagni ad un viaggio nel “nuevo tango” di Piazzolla.

TIZIANO PALLADINO (mandolino)

Tiziano Palladino si diploma all’età di 18 anni in mandolino

presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari sotto la

guida del M° M. Squillante e a 21 anni in Contrabbasso

presso il Conservatorio “L. Perosi” di Campobasso sotto

la guida del M° F. Zeppetella. Nel 2012 ottiene, con il

massimo dei voti, la laurea di 2° livello in musica da

camera.

Vince numerosi Concorsi Internazionali tra cui il 1°

premio al Concorso Ra_aele Calace del 2006 ed il Premio

Nazionale delle Arti promosso dal Afam-Miur nel 2011.

Ha compiuto varie tournée all’estero. Memorabili quelle

in Canada nel 2013 e 2016 e negli U.S.A. dove si è esibito

anche al New York International Mandolin Festival.

Dal 2015, per il progetto Suono Italiano organizzato dal

CIDIM, ha tenuto concerti per mandolino solo presso il

Conservatorio “F. Chopin” di Varsavia e gli Istituti Italiani

di Cultura di Madrid, Istanbul, Dublino, Salonicco,

Atene e Stoccolma. Di particolare spessore la collaborazione

con l’attrice Licia Maglietta per gli spettacoli

prodotti da Teatro Napoli Festival. Ha all’attivo oltre 600

concerti in Italia ed all’estero, in formazione cameristica e

come solista, facendosi costantemente apprezzare per la

versatilità, il virtuosismo e la particolare sensibilità che

contraddistinguono ogni sua esibizione.

E’ docente di mandolino e contrabbasso presso il Liceo

Musicale “Galanti” di Campobasso e e presso la scuola

Civica di Vasto. Suona un mandolino R. Calace del 1927.

DAVIDE DI IENNO chitarra

Diplomatosi e laureatosi con il massimo dei voti e la lode

presso i conservatori di Avellino e Campobasso, consegue

con il massimo punteggio il diploma alla Koblenz International

Guitar Academy (Germania) con il M° Aniello

Desiderio. Nel 2015 pubblica il suo primo CD edito dalla

Tactus. Ha eseguito diverse volte come solista il “Concierto

de Aranjuez” con la “Orchestra Filarmonica Oltenia di

Craiova” della Romania e presso la Rhein-Mosel-Halle a

Koblenz (Germania), con l’orchestra “Staatsorchester

Rheinische Philharmonie” diretta dal M° Garrett Keast.

Nel 2016 ha eseguito come solista, in prima assoluta, la

“Suite n. 2” di R. Bellafronte per chitarra, fagotto e orchestra

d’archi, in una tourneè con i Wiener Concert-Verein,

Patrick De Ritis e diretta dal M. Ulf Schirmer, culminata

alla Brahms-Saal del Musikverein di Vienna.

Si è esibito in teatri prestigiosi come l’Auditorium di

Renzo Piano a L’Aquila, Teatro di Corte di Palazzo Reale

a Napoli, Sala Verdi a Milano, Teatro Sociale di Sondrio,

Teatro Vittoria a Roma.

Ha avuto importanti esperienze concertistiche anche

all’estero come in Francia (Suona Italiano, Festival di

Provenza e Festival di Marsiglia), Austria (Salisburgo e

Vienna), in Germania (Koblenz) e a Malta. Nel settembre

2017 ha avuto l’onore di esibirsi durante il XXII Convegno

Internazionale di Chitarra di Alessandria presso

l’Auditorium “Michele Pittaluga”. E’ docente presso la

Scuola Civica Musicale Città del Vasto.

Arcangelo CORELLI

Sonata Op. 5 No. 7

Preludio – Corrente – Sarabanda – Giga

Giovanni Battista GERVASIO

Sonata VI in Re Maggiore

Gioacchino ROSSINI

Overture de la Cenerentola

  1. MASCAGNI

Cavalleria Rusticana

Intermezzo (arr. T. Palladino)mandolino solo

John WILLIAMS

Star Wars Suite (arr. R. Aguirre) chitarra sola

Ra_aele BELLAFRONTE

Sonata IV

Astor PIAZZOLA

Histoire du Tango

 

proiezione del video

“40 anni di musica

a Castagno d’Andrea”

ZONAZERO – Firenze

realizzato da

VENERDI 24 AGOSTO

ore 21.00

www.zonazero.it

{lang: ‘it’}
Print Friendly