CALCIOSCOMMESSE: Si apre il processo, entro il 9 le sentenze. Palazzi contestato da tifosi juventini





L’attesa e’ finita. Dopo mesi di lavoro della Procura federale, da oggi va in scena il processo sportivo al Calcioscommesse, con l’ex Ostello della Gioventu’ del Foro Italico che tornera’ a riempirsi di calciatori, tecnici e dirigenti. Se pero’ due mesi fa erano stati i tesserati di Serie B e Lega Pro a finire alla sbarra, questa volta c’e’la Serie Ae il tecnico della Juventus campione d’Italia, Antonio Conte, che ha catalizzato l’attenzione mediatica rispetto agli altri 44 tesserati e 13 club deferiti. Il procedimento di oggi, basato sugli atti trasmessi dalla Procura della Repubblica di Cremona, pero’, non e’ che una parte dell’inchiesta che, nell’estate2011, hacondotto ai primi verdetti, ed e’ una prosecuzione del processo svoltosi a fine maggio. Anche qualche protagonista e’ lo stesso di due mesi fa, come l’ex Cremonese e Piacenza Carlo Gervasoni e l’ex calciatore del Siena Filippo Carobbio, che domattina saranno in aula con un’altra sfilza di illeciti ciascuno. Il loro ruolo di ‘pentiti’ nell’inchiesta pero’ permettera’ loro di patteggiare ancora una volta. Sui due, infatti, si basa gran parte dell’impianto accusatorio del Procuratore Stefano Palazzi, che attendera’ in aula oggi sette club e 26 tesserati. Quelli, del filone d’inchiesta di Cremona, appunto. Ai quali da venerdi’ si aggiungeranno altre sei societa’ e 19 tesserati, grazie agli atti trasmessi dalla Procura di Bari e alle deposizioni dell’ex capitano dei pugliesi Andrea Masiello, reo confesso di aver alterato o tentato di alterare con la sua cricca di amici scommettitori ben sei incontri disputati dai biancorossi tra il 2010 e il 2011. Oggi, pero’, e’ il giorno di Conte. Le indiscrezioni hanno ampiamente anticipato la sua linea difensiva: il tecnico bianconero usufruira’ dell’istituto del patteggiamento, grazie all’accordo preliminare tra i suoi legali ela Procurafederale per una squalifica di tre mesi e una consistente ammenda (probabilmente 200mila euro, da devolvere, assieme alle altre, alle popolazioni terremotate dell’Abruzzo e dell’Emilia). In questo modo Conte – deferito per l’omessa denuncia delle presunte combine di Novara-Siena e AlbinoLeffe-Siena avvenute quando era alla guida dei toscani – evitera’ le incognite della fase dibattimentale e iniziera’ il conto alla rovescia per il suo ritorno in panchina, previsto per i primi di novembre (Juve- Inter e’ in programma il 4). Il patteggiamento, pero’, dovra’ essere accordato dalla Commissione Disciplinare presieduta da Sergio Artico. Oggi sara’ anche il giorno in cui si valuteranno le posizioni del Siena, che rischia una consistente penalizzazione per i numerosi illeciti che avrebbero commesso i suoi tesserati: Carobbio, Marcelo Larrondo, Roberto Vitiello, Claudio Terzi e l’ex Ferdinando Coppola sono tra i 33 tesserati (contando anche quelli del filone barese) accusati di illecito; cosi’ come il collaboratore di Conte, ora alla Juventus, Cristian Stellini. Rischiano uno stop di almeno tre anni. Ma i senesi potrebbero perdere, per omessa denuncia, anche il preparatore dei portieri Marco Savorani, il preparatore atletico Guido D’Urbano e il capo osservatore tecnico Daniele Faggiano (e’ ex Siena anche il vice di Conte alla Juve, Angelo Alessio, che con il tecnico condivide anche i capi d’imputazione). A tremare, pero’, sara’ soprattutto il Grosseto, deferito per responsabilita’ diretta per il presunto coinvolgimento del presidente Piero Camilli nella combine della partita Ancona- Grosseto del 30 aprile 2010. I maremmani potrebbero essere retrocessi dalla Serie B in Lega Pro. Un destino che li accomuna al Lecce dell’ex presidente Pierandrea Semeraro, che venerdi’ dovra’ rispondere della presunta combine del derby Bari-Lecce del 15 maggio 2011. Tra i club di A potrebbero incappare in una penalizzazione il neopromosso Torino e, venerdi’,la Sampdoriae il Bologna; Mentre rischia al massimo un’ammenda l’Udinese. Oggi sara’ la volta anche di AlbinoLeffe e Novara (gia’ penalizzate a maggio), Varese e Ancona (ma il club marchigiano nel frattempo e’ fallito). Fra tre giorni si discutera’ del Portogruaro e di altri tesserati illustri come il bolognese Daniele Portanova, l’ex capitano felsineo Marco Di Vaio o gli juventini Leonardo Bonucci e Simone Pepe: il primo deferito per illecito, l’altro per omessa denuncia per Udinese-Bari del maggio 2010, quando il difensore vestiva la maglia dei pugliesi e il centrocampista quella dei friulani. Per le sentenze occorrera’ attendere al massimo il 9 agosto. Poi, dopo Ferragosto, via al procedimento d’appello in Corte di giustizia federale.

Una ventina di tifosi juventini, presenti all’ingresso dell’ex Ostello della Gioventu’ del Foro Italico dove tra poco iniziera’ il processo sportivo al calcioscommesse, ha contestato il procuratore federale Stefano Palazzi. ”Giu’ le mani da Antonio Conte”,”Palazzi uomo di m…” e ”buffone, buffone” i cori degli ultra’ che contestano al numero uno della Procura il deferimento del tecnico della Juve per l’omessa denuncia nelle partite Novara-Siena e AlbinoLeffe-Siena, quando era alla guida del club toscano.

”Esprimiamo la nostra solidarierieta’ per la contestazione subita dal Procuratore Palazzi”. Con queste parole il presidente della Commissione Disciplinare, Sergio Artico, in apertura del processo al calcioscommesse all’ex Ostello della Gioventu’ del Foro Italico, ha espresso la sua solidarieta’ al Procuratore Stefano Palazzi, contestato in mattinata da una ventina di tifosi juventini per il deferimento del tecnico Antonio Conte. ”Gli avvocati sanno a cosa e’ improntata l’attivita’ dell’ufficio – ha invece detto Palazzi – La nostra forza e’ quella delle persone per bene che sono la maggioranza. Grazie per la solidarieta”’.

{lang: ‘it’}
Print Friendly

Trackbacks

  1. […] mesi fa erano stati i tesserati di Serie B e Lega Pro a finire alla Continua a leggere la notizia: CALCIOSCOMMESSE: Si apre il processo, entro il 9 le sentenze. Palazzi contestato da tifosi juventini Fonte: […]