BORGO SAN LORENZO: Varato il nuovo piano di spazzamento strade





borgospazzamento stradeUno dei punti più importanti approvati, all’unanimità, nel Consiglio di giovedì, è il nuovo piano di spazzamento meccanizzato, che segue la proposta di Publiambiente SpA del 14 febbraio scorso. Un adeguamento importante, che prevede, a costi invariati, un aggiornamento del piano attualmente in vigore, e che risaliva a metà degli anni 90, quando ancora, addirittura, alcune strade non esistevano o comunque non avevano le attuali necessità.

Il piano prevede, oltre ad una sostanziale modifica degli attuali turni di spazzamento con incremento dei turni di pulizia in tutto il capoluogo, la copertura di numerose altre zone non servite dal vecchio piano, o servite in assenza di cartellazione o con servizi di spazzamento straordinario, con particolare riferimento a frazioni e aree di più recente urbanizzazione.

Tra queste parcheggi come quello dell’Ospedale, del Liceo, del Centro Piscine, via Monsignor Vigiani, piazza Don Angelo Vallesi e viale Europa Unita, nonché numerose strade quali via Che Guevara, via Gobetti (parte recente), viale Giovanni XXIII (parte), piazzale Lavacchini, viale Europa Unita, via 30 Dicembre 1943, via Padre Massimo da Porretta e numerose altre.

E’ stato già assunto l’impegno di spesa per l’adeguamento della relativa segnaletica verticale, con fornitura e posa in opera di nuovi pali e cartelli e applicazione di adesivi correttivi su quelli esistenti. Le opere di adeguamento termineranno presumibilmente entro il mese di febbraio e con il mese di marzo il nuovo servizio di spazzamento dovrebbe entrare a regime.

Il tutto, dato da una razionalizzazione del servizio, consentirà un miglioramento del servizio a costi invariati rispetto a quello attuale e che saranno coperti con gli introiti della TARI.

“Si tratta di un importante adeguamento per un servizio fondamentale per il decoro del nostro Comune, spiegano l’assessore ai lavori pubblici, Giacomo Pieri. In questo modo il servizio sarà più efficiente, equilibrato, e non lascerà zone scoperte, sia nel capoluogo che nelle frazioni. E tutto senza ad andare ad incidere sulle spese della popolazione. Questo grazie ad un lavoro di razionalizzazione ed al tavolo creato, appena insidiati, con Publiambiente, per capire e cercare di risolvere le varie criticità presenti.”

“Ringrazio l’assessore Pieri e il suo predecessore Stefano Squilloni, dice il sindaco Paolo Omoboni, per il gran lavoro svolto e l’impegno profuso in questo progetto, che ci permette di adeguare questo importante servizio alle necessità attuali del nostro Comune.”

{lang: ‘it’}
Print Friendly