Borgo San Lorenzo – Il regolamento del Palio di S. Lorenzo

 

In occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono San Lorenzo, si svolgera’ a Borgo S. Lorenzo “Il Palio di San Lorenzo”.

Di seguito pubblichiamo il regolamento 

Le iscrizioni presso “Vino in Tavola” in Piazza Dante, Biblioteca Comunale in Piazza Garibaldi e Periscopio Comunicazione, in Piazza del Mercato. sempre a Borgo San Lorenzo

 

Regolamento Palio di San Lorenzo

1. La squadra è composta da 15 elementi di cui almeno 4 donne. Non si possono aggiungere o sostituire elementi dopo l’iscrizione. Non ci sono limitazioni di provenienza per le squadre o per i singoli partecipanti
2. I partecipanti ai singoli giochi possono essere sostituiti tra le eliminatorie della domenica e le finali del lunedì tra gli iscritti al palio
3. Ogni gioco avrà una classifica che porterà punti inversi alla posizione in classifica generale (es. se le squadre sono 8 ogni gioco porterà rispettivamente alle squadre 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1 punto);
4. Una squadra che non completa o viene squalificata da un gioco avrà 0 punti nella classifica generale in quel gioco;
5. A inizio giornata (può essere diverso tra domenica lunedì), ogni squadra consegnerà una busta chiusa alla giuria con indicato il nome di un gioco per il quale giocherà il jolly e che farà raddoppiare i propri punti in quel gioco. Sull’esterno della busta si dovrà scrivere il nume della squadra. Le buste saranno aperte al termine dell’ultimo gioco di giornata;
6. A inizio giornata il capitano/responsabile consegnerà la formazione dei singoli giochi della propria squadra ai giudici;
7. Le squadre che si comportano in maniera scorretta, che danneggiano le altre squadre o gli strumenti dei giochi, possono essere penalizzate, escluse dal singolo gioco o espulse dal Palio intero per decisione della giuria;
8. Le prime quattro squadre della domenica sono qualificate alla finale del lunedì; la squadra che ottiene più punti nella finale di lunedì si aggiudica il PALIO DI SAN LORENZO 2015;
9. Ogni altro dettaglio o variazione al regolamento generale ed a quello dei singoli giochi sarà spiegato nel pomeriggio precedente i giochi.
Caccia al Tesoro

Il regolamento sarà spiegato direttamente prima dell’inizio della gara

Regolamento Tiro alla Fune

1. Ogni squadra di tiratori è composta da 6 membri (possono essere uomini e donne) che tireranno dall’inizio di una gara. La somma del loro peso (pesata prima della gara) non dovrà superare i 450 chilogrammi). La gara si considera iniziata quando le squadre sono nella posizione di tiro sotto la diretta supervisione del giudice di gara;

2. Ogni squadra può disporre di una riserva che potrà essere utilizzata per sostituire uno qualsiasi dei tiratori della squadra;

3. Nel caso di un nuovo infortunio la squadra può continuare a gareggiare con soli 5 tiratori. La squadra che rimane con meno di 5 tiratori non può continuare la gara stessa.

4. Ogni squadra può avere un proprio allenatore che diriga le tirate;

5. Ogni componente la squadra dovrà indossare abiti sportivi consistenti in pantaloncini, maglie sportive in cotone o jersey e calzini fino al ginocchio. Le protezioni contro l’usura dei vestiti e il danneggiamento dell’epidermide devono essere approvati dai giudici. Le cinture protettive sono ammesse solo se indossate sopra gli abiti sportivi. La protezione contro l’usura della maglia del capocorda è ammessa se non supera un massimo di 5 centimetri e deve essere posta sotto la maglia nella zona dove la corda avvolge il corpo.

6. Gli scarponcini dei competitori devono avere la suola, il tacco, e i lati lisci senza puntali o piastre metalliche sotto le suole;

7. I nastri o marcatura saranno posti 1 al centro della corda, 2 a quattro metri dal centro in entrambi i lati, 2 a cinque metri dal centro in entrambi i lati;

8. All’inizio della gara il primo tiratore afferrerà la corda il più vicino possibile alla marcatura, la corda non potrà essere passata attraverso nessuna parte del corpo;

9. Ogni giocatore deve tenere la corda con entrambi le mani con le palme rivolte verso l’alto e la corda passerà tra il corpo e la parte superiore del braccio dello stesso tiratore: ogni altra presa che ostacoli il libero movimento della corda è infrazione alle regole;

10. II tiratore alla fine della corda sarà chiamato uomo ancora, la corda passerà lungo il corpo diagonalmente attraverso la schiena e sopra la spalla opposta da dietro a davanti, il rimanente della corda passerà sotto l’ascella in direzione all’indietro ed esterno. Il capocorda afferrerà poi la parte diritta della fune con entrambi le mani con le palme rivolte in alto e braccia estese in avanti.

11. Durante la gara non è ammesso compiere queste infrazioni: sitting, sedersi; leaning, toccare il terreno con parti del corpo all’infuori dei piedi; locking, ostacolare il movimento libero della corda con tenute non regolamentari; grip, utilizzo di prese diverse da quelle ammesse; propping, tenere la corda in posizione diversa da quanto richiesto dalla norma; position, sedersi su un piede o su un arto e non estendere i piedi in avanti; climbing, arrotolare la corda alle mani; rowing, sedersi sul terreno mentre i piedi si muovono all’indietro; anchor, il capocorda assume posizioni diverse dalla norma;

12. Una squadra si deve considerare squalificata quando riceve 2 avvisi di infrazione nel corso di una stessa tirata. E’ infrazione anche se un tiratore offende;

13. Prima di iniziare la gara si procederà con sorteggio alla scelta del campo;

14. Vince una tirata la squadra che avrà tirato per prima uno dei lati marcati oltre la linea di centro segnata sul terreno oppure per squalifica della squadra avversaria;

15. I giudici per ogni incontro sono tre, 1 giudice capo e 2 giudici laterali. Il giudice in carica nel dare un avviso lo indicherà con il comune codice dei segnali nominando la squadra e aggiungendo” primo avviso” o “ultimo avviso” la decisione del giudice o dei giudici sarà finale e per sempre.

Regolamento spaghetti piccanti

1. Partecipano alla gara due rappresentanti per squadra (maschio o femmina senza distinzione);
2. Dal via del giudice il primo partecipante di ciascuna squadra dovrà mangiare con le mani dietro la schiena, con la sola bocca, tutti gli spaghetti presenti nel piatto (senza avanzi). Al termine del piatto al secondo partecipante viene consegnato il secondo piatto che dovrà essere terminato nella stessa maniera;
3. Se uno dei due non finisce la propria pasta la squadra viene considerata squalificata e non prenderà punti nel gioco;
4. La squadra che per prima termina il secondo piatto di spaghetti, vince, le altre devono comunque terminare per determinare l’ordine di classifica.
Regolamento Corsa con i Carretti

1. Si corre con i carretti messi a disposizione dagli organizzatori e che saranno assegnati a sorteggio alle varie squadre. A sorteggio è anche assegnata la posizione in griglia di partenza;
2. I carretti non potranno essere modificati in nessuna modo dai partecipanti ne per il proprio utilizzo ne al termine della propria prova;
3. Ogni equipaggio è composto da quattro elementi (indifferente uomini o donne) che dovranno necessariamente cambiare a metà gara nell’apposita area cambio;
4. La gara si svolge su un giro intorno ai giardini di Piazza Dante;
5. Si possono cambiare i componenti dell’equipaggio, fra i 15 della squadra, tra semifinale e finale, ma non all’interno della stessa giornata;
6. L’equipaggio che non taglia il traguardo, anche per eventuale problema tecnico al mezzo, risulterà squalificato;
7. Non si possono danneggiare gli altri equipaggi tagliando squadra o zigzagando per non farsi superare. In tal senso il giudizio dei giudici è inappellabile;
8. Regolamento di batterie e finali sarà spiegato prima della partenza.
Regolamento Corsa della Polenta

1. La gara si disputa a staffetta e richiede la partecipazione di 9 partecipanti 5 uomini e 4 donne;
2. Nella prima frazione un uomo porta una carriola d’acqua per il lato lungo dei giardini, nella seconda (lato corto) due uomini e due donne portano con bicchieri di plastica (che non saranno sostituiti se si rompono), l’acqua dalla carriola ad un secchio fino al livello indicato, nella terza (lato lungo) una donna prende il secchio riempito precedentemente e lo porta alla fine della frazione sopra la testa, mentre un uomo corre saltando dentro una balla (corsa con i sacchi), all’arrivo del secondo dei due un uomo porta l’ultimo secchio ed una donna porta uno staccio pieno di farina.
3. Al traguardo viene sommato il peso dell’acqua portata (in grammi), il peso della farina portata (in grammi) e sottratto i secondi impiegati a concludere la prova. I risultati (dal maggiore al minore) daranno l’ordine finale della classifica;
4. L’ordine di corsia viene stabilito per sorteggio prima dell’avio della gara;
5. Non si può disturbare in nessun modo le squadre avversarie nel corso dell’effettuazione della gara.

{lang: ‘it’}
Print Friendly