BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA: Dal 5 all’8 settembre il Festival che li riunisce si tiene in provincia dell’Aquila





scarperiaSaranno un centinaio i comuni provenienti da tutte le regioni in rappresentanza dei 219 associati del club I Borghi piu’ Belli d’Italia presenti con i loro stand al festival nazionale dell’associazione in programma dal 5 all’8 settembre a Navelli, Santo Stefano di Sessanio e Castel del Monte, in provincia dell’Aquila. Prevista la partecipazione anche di delegazioni straniere provenienti da Paesi dove sono state create associazioni simili. Giunto all’ottava edizione, i borghi abruzzesi ospiteranno anche la quarta edizione del Festival Internazionale de ‘Les Plus Beaux Villages de la Terre’, con la riunione del cda della federazione che vedra’ la partecipazione delle delegazioni di associazioni di Borghi Piu’ Belli della Francia, Belgio, Spagna, Germania, Grecia, Romania, Giappone, Canada, Polonia e per la prima volta anche di una delegazione della Corea del sud. Il Festival sara’ quindi l’occasione per poter degustare prodotti tipici e piatti locali e per ricevere notizie sulle bellezze dei borghi italiani e dei loro territori, il tutto accompagnato da convegni, spettacoli, concerti, mostre d’arte, cortei storici e iniziative di vario tipo, come l’emissione di speciali annulli postali con francobolli della transumanza e dello zafferano entrambi con logo dei Borghi. Quella relativa al francobollo dello zafferano si svolgera’ proprio durante l’inaugurazione dell’evento prevista alle 17 di giovedi’ 5 settembre a Navelli, cui fara’ seguito un convegno dal titolo “Tre Borghi alle falde del Gran Sasso d’Italia, archeologia, storia e valorizzazione culturale”. Il 6, 7 e 8 settembre il Festival continuera’ poi, per la parte convegnistica e fieristica, a Santo Stefano di Sessanio e Castel del Monte. Venerdi’ 6 settembre, a Santo Stefano di Sessanio, con inizio alle 18.30 si svolgera’ il convegno, con l’obiettivo di affrontare le tematiche dell’accessibilita’ nelle destinazioni turistiche, intitolato “Turismo Sociale: Abbattimento delle barriere architettoniche, fisiche e sensoriali nell’ambito delle manifestazioni per il 50/o Anniversario della nascita della Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale (Oits ex Bits)”. Gli ultimi due giorni di iniziative si terranno a Castel del Monte. La mattina del 7 settembre e’ previsto il convegno “Il Piano di ricostruzione, strumento di sicurezza e ripresa socio-economica a quattro anni dal terremoto”, con la partecipazione di esperti italiani e giapponesi che parleranno di ricostruzione e prevenzione e con le conclusioni che saranno affidate al ministro per la Coesione territoriale, delegato per la ricostruzione, Carlo Trigilia. Nel pomeriggio, presso il teatro del borgo, si svolgera’ invece la riunione annuale delle associazioni aderenti a Les Plus Beaux Village de la Terre, alla presenza di Gianni Chiodi, il presidente della Regione Abruzzo. Domenica 8 settembre, infine, alle 19 ci sara’ la tradizionale cerimonia del “Passaggio della bandiera del festival” alla presenza dei sindaci di Lovere (Bg), Monte Isola (Bs) e Bienno (Bs), ovvero dei comuni che ospiteranno la nona edizione del festival. Intanto quest’anno i visitatori attesi, stando ai numeri delle precedenti edizioni e secondo le stime degli organizzatori, saranno nei quattro giorni circa 40 mila. “Un pubblico – spiega il presidente dei Borghi piu’ Belli d’Italia, Fiorello Primi – che potra’ ammirare un’Italia inconsueta e poco conosciuta, molto spesso lontana dai grandi flussi turistici e proprio per questo assolutamente originale e piena di fascino”. L’associazione, nata nel 2002 all’interno dell’Anci per iniziativa di alcuni sindaci – affermano in una nota gli organizzatori – ha mantenuto il proprio carattere istituzionale e per questo e’ garante della qualita’ dei suoi aderenti che, per essere ammessi, hanno dovuto sottostare ad un’attenta analisi e controllo di numerosi parametri di qualita’. Non solo la bellezza del borgo, che e’ caratteristica essenziale, ma anche la qualita’ della vita dei suoi abitanti, la socialita’ e la qualita’ dei servizi, dei monumenti, delle opere d’arte e dell’ambiente sono le cose che piu’ sono apprezzate dai visitatori dei borghi piu’ belli d’Italia. “Oggi il Club – afferma ancora il presidente Primi – puo’ vantare una notevole attivita’ nel campo della promozione turistica sia in Italia che all’estero tanto da diventare uno dei punti di forza dell’offerta turistica nazionale, unica alternativa al turismo tradizionale, secondo il Dipartimento del Turismo del Consiglio dei Ministri”.

{lang: ‘it’}
Print Friendly